Mostra “Che cos’è l’uomo perché te ne ricordi?”

Si aprirà prossimamente anche a Pavia la bella mostra “Che cos’è l’uomo perché te ne ricordi?”, sul celebre medico e ricercatore Jérome Lejeune, portata nella nostra città dai ragazzi di AteneoStudenti. Per scoprire e apprezzare una figura giustamente celebre per il suo apporto scientifico allo studio della Sindrome di Down, e per la sua battaglia a favore della Vita.

La mostra, patrocinata da varie istituzioni, è stata realizzata anche con la nostra collaborazione UGC.

Lunedì 29 aprile p.v., alle ore 11.30, la conferenza stampa inaugurale presso il Palazzo Mezzabarba, in occasione della quale la delegata UGC alle comunicazioni sociali Ilaria Pisa riporterà le forti motivazioni di una collaborazione a favore di una cultura della Vita.

Questa la locandina della mostra e dell’appuntamento introduttivo di martedì 30 aprile:

Terminata la Crociata del Rosario

 

E’ terminato il cammino della Crociata del Rosario contro il divorzio breve e per la famiglia, che si è soffermata sul Sacro Cuore di Gesù (a giugno), sui Santi Gioacchino e Anna (a luglio), sull’Addolorata (a settembre), sul Beato Giovanni Paolo II (a ottobre), sulla Immacolata Concezione (8 dicembre), sulla Presentazione di Gesù al Tempio da parte di Giuseppe e Maria (2 febbraio), su San Giuseppe (19 marzo).

Il totale delle offerte definitivo da maggio ad oggi è di 13.350 corone.

Un grazie immenso a tutti coloro che hanno contribuito!

 

Ecco la lettera inviata dal nostro Presidente al Cardinal Bagnasco:

 

 

4 aprile – buon compleanno, Beato Contardo!

154 anni fa nasceva al mondo il nostro Beato Contardo Ferrini.

Eppure la sua testimonianza è sempre fresca e nuova, come sempre nuovo e giovane è ciò che “rinasce dall’alto”, ossia dalla fede in Cristo (Gv 3, 1-8), e com’è sempre giovane chi cammina alla presenza del Dio “della nostra giovinezza” (Sal 42).

A me non consta di doni speciali soprannaturali conferiti da Dio al Ferrini, se non che mi parve sempre quasi miracolo la sua fede e la sua vita cristiana al suo posto e nei tempi nostri.
(Papa Pio XI)

questo link potete rileggere un suo breve profilo.

Questo il ricordo dell’amico fraterno (da All’alba serena di una fulgida giornata, a cura del nostro Alessandro Bertoli, p. 32)

Così scriveva Luigi [Olivi] alla morte di Contardo:
“Ci amavamo tanto, avevamo avuto in quattro anni di comune soggiorno miriadi di replicate occasioni di vederci, di intenderci, di penetrare nei più remoti e intimi segreti dell’anima! Aveva tutta la cura per celare qualsiasi atto virtuoso; il carattere suo era quello di mostrarsi l’uomo più comune anche nei riguardi della perfezione.”

Ecco alcune foto scattate sulla sua tomba, all’Università Cattolica di Milano: