Divorzio breve: Crociata del Rosario

clicca per la locandina: crociata rosario divorzio

Raccolte, al 12 giugno, 775 corone.

E’ approdata alla Camera la proposta di legge sul divorzio breve: v. qui

Una idea pericolosa, che avrebbe come conseguenza un ulteriore indebolimento dei legami familiari già mediamente provati da tante cause (religiose, morali, sociali, economiche).

L’UGC Pavia lancia una particolare “crociata” per evitare l’approvazione di questo provvedimento e, più in generale, per promuovere la famiglia come società naturale fondata sul matrimonio indissolubile tra un uomo e una donna: la crociata della preghiera del Santo RosarioDalla data odierna al 15 giugno, Solennità del Sacro Cuore di Gesù, si raccolgono pertanto offerte di recite di corone del Rosario.

Scrivete a dott.ferraresi@gmail.com segnalando le corone che vorrete recitare per questa intenzione. Presenteremo le offerte alla Madonna inviandole al Card. Angelo Bagnasco, che come presidente dei vescovi italiani pochi giorni fa, nella prolusione alla assemblea della CEI, ha detto:
“Esser distratti rispetto al bene insuperabile della famiglia fa soffrire anche la società, che indebolisce il suo più rilevante cespite di vitalità, di coesione e di futuro. Per questo, in una cultura del tutto-provvisorio, l’introduzione di istituti che per natura loro consacrino la precarietà affettiva, e a loro volta contribuiscono a diffonderla, non sono un ausilio né alla stabilità dell’amore, né alla società stessa. La famiglia non è un aggregato di individui, o un soggetto da ridefinire a seconda delle pressioni di costume oggi particolarmente aggressive e strategicamente concentrate; non può essere dichiarata cosa di altri tempi. Ecco perché l’ipotesi del cosiddetto “divorzio breve” contraddice gravemente qualunque possibilità di recupero, e rende complessivamente più fragili i legami sociali“.